.
Annunci online

L_Antonio
Odio gli indifferenti


Gli Ultimi


7 aprile 2010

Riforme o rivoluzione

 

Invece di baloccarci sul nuovo leader del centrosinistra (esercitazione davvero accademica, visto il tempo che manca alle politiche) o su chi abbia vinto o perso (si tratta di punti di vista, non solo di numeri in sé), sarebbe il caso di togliere lo sguardo dal proprio ombelico e di guardarsi attorno. Le urne ci hanno consegnato la vittoria della Lega e uno scenario del tutto cambiato. Oggi Bossi decide, Berlusconi può solo trattare. Anzi, fa di più, se non ve ne foste accorti: punta direttamente sulla Lega, e tenterà di leghizzare il PDL, facendo perno sulla Padania e suoi nuovi padroni (quasi) assoluti. Fini che pensa di ciò? E l’UDC? La leghizzazione fa saltare tante vecchie strategie centriste, tante rincorse moderate. Oggi c’è un’accelerazione, uno strappo. Berlusconi, d’altra parte, è tipo che non guarda in faccia a nessuno ed è pronto a cambiare idea e strategie pur di conservare il trono. Non è tipo che “contrasta” gli eventi, semmai li cavalca (o tenta di farlo, cercando di non disarcionare), come farebbe il bravo cultore di marketing. La regola del venditore è sempre la stessa: conoscere il cliente e le nuove tendenze, capire come possano essere utilizzate a proprio vantaggio, e poi una soluzione soddisfacente si trova.

La trattativa sul futuro è già aperta. L’esito è quasi scontato e preannunciato: federalismo e riforma dello Stato alle camice verdi, il tema della giustizia al Cavaliere. Oplà. Come dire: fate dell’Italia ciò che volete, io voglio il mio salvacondotto. E il PD? Probabilmente barcollerà sull’esca del semipresidenzialismo, che significa di fatto costruire una “diarchia” ai vertici dello Stato: Berlusconi al Quirinale, Tremonti (o chi per lui) al Governo. Ma non è ancora chiaro se la eventuale legge elettorale sarà a doppio turno, e come sarà possibile conciliare il forte potere centrale insito nella “diarchia” col federalismo leghista, nonché la Padania col neomeridionalismo alla Lauro. Sono problemi della destra, a cui dobbiamo guardare con attenzione, certo, ma guai a puntare solo sulle contraddizioni altrui. Serve un progetto, servono idee, serve il coraggio di enunciarle tra i cittadini. Una cosa è certa: stavolta fanno sul serio e toccherà dire dei “si” e dei “no”. Non si scappa. Le riforme ci toccano, ci provocano, chiedono risposte. Al comunismo penseremo poi. Con comodo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd riforme lega

permalink | inviato da L_Antonio il 7/4/2010 alle 10:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Politica
Musica
L'Antonio (Gramsci)
Visioni
Orvieto e dintorni
Cultura
Vado ai Massimi
Interventi

VAI A VEDERE

massimo d'alema
Alfredo Reichlin
Phil
PER RIPARTIRE
gianni cuperlo
Italianieuropei
Centro Riforma dello Stato
fondazione gramsci
NotePD
Adry
celapossofare
Bolledaorbi
Makìa
Eta-beta
Ritaz
Patry
maria grazia
LauraOK
Quartieri
Corradoinblog
Marco Campione
Francesco
Viaggio
Lessico democratico
Riderepernonpiangere
Paolo Borrello
Camereconvista
Francesco Montesi (da Parrano)
Simone Tosi
RED TV
RED COMMUNITY
PER L'ITALIA
la voce info
l'Unità
il manifesto
il riformista
filosofia.it
write up
Orvietan
francesco totti


           I due L_Antoni

 




 


Il libro de L_Antonio Qui, per vedere meglio la copertina, per leggerlo e
acquistarlo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini inserite in questo blog sono prelevate in massima parte dalla rete web; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore o copyright terzi, vogliate comunicarlo a l_antonio_g@libero.it, saranno rimosse prontamente. 


 

CERCA